Archive for the Concerti Category

Bruce Springsteen a Torino…

Posted in Concerti with tags , , on settembre 10, 2009 by thomas

Springsteen a Torino

Springsteen non è un qualsiasi bravo cantautore rock. E’ una specie di bandiera, un monumento indomabile, un inno a tutto quello che il rock può essere. Per capirlo bisogna aver visto almeno una volta un suo concerto.
Ha inciso dischi straordinari, ma di sicuro il vero Springsteen è nelle esibizioni dal vivo. Si usava dire che i Rolling Stones siano stati per antonomasia la più grande rock n’ roll band di tutti i tempi. Vero, forse, ma solo nel fervore degli anni 60 e in qualche scampolo dei 70. Dopo, la più grande, classica rock n’ roll band della storia è stata Bruce Springsteen & The E Street Band. Chi lo ama ha la certezza di andare a celebrare insieme a lui l’unico, meraviglioso e liberatorio rito profano che la nostra cultura ci abbia lasciato (Gino Castaldo).

This Fire is out of control…

Posted in Concerti on luglio 14, 2008 by ilbrius

E le x nella casellina Franz Ferdinand diventano 3…

Arrivo a Ferrara in netto ritardo rispetto alle aspettative, ma almeno in netto anticipo rispetto all’uscita dei ragazzi…

Il concerto dura più o meno un’ora e mezza (in linea con quelli già visti)…alternati i ‘pezzi che contano’ dei primi due cd alle canzoni dell’ultimo che in realtà deve ancora uscire…quest’ultime si lasciano comunque ascoltare…con le tastiere che prendono il posto della chitarra sempre suonate da mister McCarthy…

Nella bella cornice della piazza estenze e nel caldo asfissiante dell’estate italiana i Franco Ferdinando mettono sul piatto un concerto senza troppo fronzoli fatto di energia e vivacità…con mister Kapranos che la fa da padrone con la sua camicia arrotolata e i suoi occhiolini alle ragazze della prima fila…e alla fine apprezziamo tutti…compreso il sottoscritto…e poi ‘This Fire’ come chiusura è sempre una bella ciliegina per gli ultimi barlumi di energia…

Finito di sudare e ballare…da buon intenditori come Kapranos insegna…ci fermiamo in piazza per taglieri di salumi, formaggi, marmellate, rosette locali…il tutto condito da un ottimo Lambrusco…riempito ampiamente deliziosamente lo stomaco si può ritornare alla base…che ci accoglie post grandine alle 5 del mattino…

Un grazie alla truppa…sempre compatta e disposta a tutto…e tale Marco…19enne di Carpi e neo bassista che ho fatto entrare e che un giorno spero di poter apprezzare sul palco…

Tracklist:
1 Michael;
2 Come On Home;
3 The Fallen;
4 New thrill;
5 Dark of the Matinee;
6 Katherine Kiss Me;
7 Do You Want To?;
8 Walk Away;
9 Bite Hard;
10 Take Me Out;
11 Ulysses;
12 40′;
13 What She Came for;
14 Outsiders;
15 Turn it on;
16 Jacqueline;
17 This Fire!!!!

Magnolia Parade!!!

Posted in Concerti, Notizie on luglio 11, 2008 by thomas

Dal 4 settembre, al Circolo Magnolia di Milano, grosso appuntamento con 40 Dj da paura…

Il primo giorno si comincia con Dj Lord dei Public Enemy. Insieme a lui due gregari di lusso – Frankie Hi Nrg e Alioscia aka BBDAI, leader dei Casino Royale. E ancora, in veste di deejay, Bunna degli Africa Unite, Roy Paci, il leggendario Vito War, Meg, Ninja dei Subsonica, e altri ancora.

Venerdì 5 settembre si va avanti con Motor dalla Novamute – il top delle etichette inglesi di musica elettronica – e il gigantesco live di Vitalic, nuova splendida creatura “french touch” destinata a un futuro enorme, il profeta italiano della psy Gino, la mente responsabile del Sonica Festival e altri da confermare.

Sabato 6 Settembre sul Bigfrog Stage si alterneranno Feadz, nuovo pupillo della miniera d’oro Ed Banger Records (quella di Justice e compagnia bella), il duo italiano The Bloody Beetroots, Victeam di Bugged Out! e il perfido duo Sangue Disken e Fucked From Above 1985. E poi ancora, all’Outfrog Stage, Goose dal Belgio, un padrino della techno come Carl Craig, Sasse aka FreeStyle Man, lo scandinavo che fa impazzire Berlino e mister Magazzini Generali Lele Sacchi.

Alla Magnolia Parade si potranno mettere i piedi a mollo. E non nell’Idroscalo, che non si sa mai, ma nella piscina UISP adiacente al Circolo che diventerà l’area stampa, l’accoglienza per gli artisti e il premio messo in palio per ben cento fortunati. Che si godranno una programmazione parallela ed esclusiva – con Fritz Da Cat e Deda giovedì 4, Fred Ventura e Dj Bro dal collettivo DjPerSignora venerdì 5, Bruno Bolla e uno speciale bis di Sasse sabato 6.

MAGNOLIA PARADE
4, 5 e 6 settembre 2008 – Circolo Magnolia Idroscalo – Milano (Info: http://www.circolomagnolia.it)
La terza colossale edizione della Magnolia Parade
riunisce 40 dj su 4 palchi in 3 giorni
Magnolia Parade costa poco e non se ne vergogna.
Dieci euro a giornata
E attenzione agli abbonamenti,
Tre giorni a 25 euro con speciale accesso evita-code.
E per i più lussuriosi
l’abbonamento deluxe a 60 euro
con accesso al Palco Piscina e soprattutto “open bar”.

Bruce Springsteen – 25 Giugno. Diario della serata.

Posted in Concerti, Notizie on giugno 26, 2008 by thomas

Ore 20:45…
in ritardo di un quarto d’ora, Bruce Springsteen e la “sua” E Street Band appaiono dal tunnel dietro il palco… e la folla è in delirio.
Il Boss è di nuovo a casa…
Il concerto inizia quando c’è ancora tanta luce perché il Comune vorrebbe rovinare la festa e non permette di suonare oltre le undici e mezza. Ma Bruce se ne frega, sta sul palco tre ore esatte e spegne gli amplificatori soltanto dieci minuti prima della mezzanotte. Polemiche garantite.
«Ciao Milano, fa abbastanza caldo? Con noi lo farà ancora di più»
Si comincia con una cover, Summertime Blues… e dopo 4 urlate “Milanoooo, Milanoooo, Milanoooo, Milanooooo”, Out in the streets!
Un salto veloce in Magic con Radio Nowhere e poi ci si rituffa indietro negli anni con Prove it all night e The promised land…
Spirit in the night è per Federici, che da lassù avrà senz’altro accompagnato con il suo piano…
Poi Springsteen comincia a giocare col pubblico. E’ il momento della canzone a richiesta. None but the brave è senz’altro una bella chicca.
Il rapporto del Boss con Milano è incredibile… il calore dei 70 mila è ricambiato dalle attenzioni di Bruce (BruceBruceBruceBruceBruce…) per ogni singolo spettatore delle prime file. Avesse potuto stringere la mano a tutti, credo l’avrebbe fatto.
Candy’s room, Darkness on the edge of town e poi la trascinante Darlington country (la la laaaa la la la la laa laaaaa…)…
Botto con Because the night che conoscono proprio tutti (anche quelli che sono venuti un po’ così, per curiosità… e sappiamo di chi sto parlando!)…
Splendide le versioni di She’s the one e Mary’s place. Poi una pausa riflessiva e 10 minuti di “riposo” con I’m on fire e Racing in the street (splendida!).
The rising, Last to die e Long walk home sono una piacevole introduzione alla devastazione di Badlands… da questo momento S.Siro esplode davvero…
Dopo una piccola pausa (2 minuti 2… non le mezz’ore di vasco!), un trascinante medley blues con Devil with the blue dress, Good golly miss Molly e C. C. Rider…
Born to run…
Rosalita…
Una splendida Bobby Jean (meglio del cd)…
Dancing in the dark…
La versione “irlandese” di American land è da togliere il fiato. Milano per una sera è allegria, divertimento vero e 70 mila persone che ballano un pezzo che sembra non finire mai. Un pezzo che avremmo voluto non finisse mai (doveva essere l’ultima canzone).
Il Boss si toglie la chitarra, ringrazia e presenta i componenti della E Street Band… fino a Clarence “The Big man” Clemons…
Tutto finito?
macchè…
Lo stadio esplode e mi viene la pelle d’oca quando si rimette la chitarra…
Un boato… il sogno non finisce ancora…
Twist and Shout, omaggio ai Beatles… omaggio a tutti noi che l’aspettavamo…
Questo è IL concerto…
A Ligabue che suonerà qui tra poco (e che c’era!) dovrebbero masterizzare il dvd e fargli vedere che cazzo vuol dire essere IL Rock! (Altro che Bruce italiano!)
Una cosa che non si dimentica.
“Milanoooo, Milanoooo, Milanoooo, Milanooooo”…

La scaletta…

“Summertime blues”
“Out in the street”
“Radio nowhere”
“Prove it all night”
“The promised land”
“Spirit in the night”
“None but the brave”
“Hungry heart”
“Candy’s room”
“Darkness on the edge of town”
“Darlington County”
“Because the night”
“She’s the one”
“Livin’ in the future”
“Mary’s place”
“I’m on fire”
“Racing in the street”
“The rising”
“Last to die”
“Long walk home”
“Badlands”

BIS
“Girls in their summer clothes”
“Devil with the blue dress” – “Good golly miss Molly” – “C. C. Rider” (Medley)
“Born to run”
“Rosalita (Come out tonight)”
“Bobby Jean”
“Dancing in the dark”
“American land”
“Twist and shout”

Meglio di quella che era in programma…

La serata, però, non era affatto finita…
Aspetto Cristian fuori e la prima cosa che mi dice non mi piace affatto.
“Guarda che da qui alla Bovisa non è tanta strada a piedi!”…
Io gli faccio gentilmente notare che mi sarei sparato in bocca ben più volentieri e propongo di andare in piazzale lotto per un bel taxi comodo comodo.
Facciamo così…
In Lotto è il delirio… vecchi, bambini, malati che cercano un mezzo per tornare a casa. Manco fossimo deportati.
Pensiamo che facendo un filo di strada verso la Bovisa troveremo sicuro qualcosa di più tranquillo. Vengo colto da allucinazioni un’ora dopo…
La fame e la sete rende i miei movimenti sempre più incerti e buffi.
La scala (20 scalini massimo) che mi si para davanti dopo la Ghisolfa mi sembra il Mortirolo per il più sfigato del Giro…
Cristian mi rassicura “siamo quasi arrivati” (e piange… non mi convince)…
Alle 2 meno 10 siamo quasi in Bovisa e, tra locali chiusi come fossimo sotto attacco alieno, compare una trattoria illuminata malamente ma che attira la nostra curiosità…
“Vuoi la pizza?” mi fa Cri (l’avevo chiesta 300 volte durante la strada)…
“Si ti prego!”…
“Ci fa 2 pizze da portare via?”… “Non siamo una pizzeria”…
Poco male… ingurgitiamo bruschette e panini (e moooolta coca cola – rutti importanti) e il titolare ci organizza anche i prossimi nostri compleanni nel suo locale.
Usciamo e siamo nuovi… corriamo e ridiamo del destino beffardo… della Moratti che deve andarlo a prendere nel culo e della Moratti che si deve fottere…
Siamo alla macchina ora… nulla fa più paura…
finestrini giù…
verso casa.
Notte.

Bruce Springsteen – San Siro. -1

Posted in Concerti, Notizie on giugno 24, 2008 by thomas

Domani è il gran giorno!
L’undicesima volta a Milano di Bruce… la terza a S. Siro… 60 mila persone già pronte da febbraio.
Si comincerà prima del previsto, alle 8 e 30, per permettere a Springsteen la solita maratona di tre ore (chiusura imposta alle 23:30).
Quindi c’è da aspettarsi un inizio puntuale del Boss e della storica E Street Band con una sorpresa: il cantante e la sua band entreranno, grazie ad una passerella, passando in mezzo al pubblico.
Le uniche cose certe sono l’assenza di Danny Federici, il tastierista storico scomparso in aprile. Al suo posto Charlie Giordano (già Seeger Session Tour), mentre per quel che riguarda la scaletta c’è da aspettarsi qualche sorpresa.
Concerto non incentrato su Magic ma un’antologia dei suoi pezzi più famosi con chicche quali I’m on fire, The river e Sandy (canzone preferita di Federici)… Radio nowhere, The rising, The promise land, Because the night e Badlands… pausa e rientro con Thunder road e Born to run…
American land dovrebbe chiudere il concerto (con testo scritto sui due grandi maxi schermi laterali).
Ad Amsterdam non sono mancate le sorprese tipo Summertime blues di Eddie Cochran (splendida!)… non manca molto…
solo un giorno per la festa…

Afterhours… Live al Palasharp

Posted in Concerti, Notizie on maggio 26, 2008 by thomas


Avevo comprato con dovuto anticipo il biglietto per il concerto degli Afterhours…
Il Palasharp era una bella location… uno si aspetta l’Alcatraz (beh Cristian per lo meno) e invece no…
Avevo imparato minuziosamente il disco nuovo… ed ero convinto della validità dei pezzi. Assolutamente convinto della varietà dei ritmi che ogni canzone proponeva.
Ma cazzo!
Cazzo no…
Si comincia con i primi due pezzi dell’album nuovo… e ci sta. Si continua con due chicche datate… 1.9.9.6 e Punto G (udite udite!)…
Poi, troppe pause (inteso come pause di adrenalina…).
Le canzoni di I milanesi uccidono il sabato, mi rincresce enormemente, non sono lontanamente paragonabili ai vecchi pezzi… piatti…
Che siano rock o ballate.
Neppure carne da cannone per Dio leggerina… come Tema:la mia città.
Le più convincenti? Assolutamente Orchi e streghe sono soli e Musa di nessuno (splendida!).
Bella la trovata di cantare Voglio una pelle splendida in “mezzo” al pubblico.
Deprimente vedere Manuel con la maglia dell’inter cantare Non sono immaginario… e la scenetta dopo, tra lui e Prette… brrr.
Va beh.
Mi tengo Male di miele… la verità che ricordavo… Bungee Jumping… il palco e le luci.
Dopo molti concerti degli After che non mi hanno lasciato minimamente deluso… può succedere.
Ma il cd in macchina mi piace un sacco.

E non è speciale ma è per te… e non sa di niente ma di te…

Baustelle in piazza Liberty… (e i Beehive!)

Posted in Concerti, Notizie on maggio 11, 2008 by thomas

Sabato alle 16 i Baustelle erano in piazza Liberty per un concerto gratuito (per il Milano telefilm festival)…
Il buon Fagio ci fa andare nel backstage a fare delle foto… e poi, durante il concerto, sono abusivamente quasi sul palco…
Non li avevo mai visti dal vivo e devo dire che non sono rimasto deluso…
Splendida “Baudelaire”, ultima canzone in scaletta… ovazione della curva!
Sorpresone verso le 18 (non è stata una sorpresa perchè era scritto sul programma!)…
Il ritorno degli indimenticabili Beehive!!!
Messi male fisicamente, mal vestiti (il batterista da chi compra i vestiti? chewingum? Uba Uba?) e un filo imbarazzati…
Piazza in visibilio… io, dopo 2 canzoni, vado via triste… senza Freeway.

Fagio e Cri studiano la scaletta…

I Baustelle sul palco…

E poi… un salto, malinconico, negli anni 80. Come cazzo si chiamava? T’arrabbio, no no M’arrabbio…
O T’ammazzo…