Rino Gaetano… un testo premonitore?

Una storia che forse avrete già sentito ma, sabato sera, “ma il cielo è sempre più blu” me l’ha fatto tornare in mente…

La carriera di Rino Gaetano si interruppe tragicamente con la sua morte, a soli trent’anni, in un incidente stradale avvenuto a Roma il 2 giugno 1981. Pochi giorni prima era rimasto coinvolto in un altro scontro dal quale era uscito miracolosamente illeso: la sua auto, una Volvo 343, era rimasta completamente distrutta, ma egli subito ne acquistò un’altra uguale. Il secondo incidente invece si rivelò fatale: la vettura nuova di zecca si schiantò, infatti, contro un camion sulla via Nomentana all’altezza dell’incrocio con viale XXI aprile. L’impatto è tremendo. Subito arriva l’ambulanza che cerca di trasportare il cantante in ospedale. Ma, inspiegabilmente, cinque nosocomi ne rifiutano il ricovero. Gaetano arriva la Gemelli di Roma, ma ormai è troppo tardi. Muore appena 31enne.
Eppure la sua tragica morte era stata descritta dallo stesso cantautore in una sua lirica, mai apparsa in alcun disco e riconducibile al periodo del cosiddetto Folkstudio. Stiamo parlando de “La ballata di Renzo”, che racconta la storia di un giovane che, a seguito di un incidente d’auto, non riesce a trovare un ospedale per il ricovero.
E la sorte fu ancora più cattiva con lui. Ben tre dei cinque ospedali che rifiutarono di prestargli soccorso sono citati nel testo della canzone. Una coincidenza agghiacciante acuita dal fatto che di li a poco avrebbe sposato la sua fidanzata «Ameliuzza», la studentessa universitaria a cui era legato da tempo.

« …Beati i bulli di quartiere perché non sanno quello che fanno / ed i parlamentari ladri che sicuramente lo sanno… » (beh… era già la solita storia!)…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: