MC Frontalot… il RapNerd

mc.jpg

LONDRA – Per anni non se li è mai filati nessuno, anche se tutti li conosciamo. Parliamo dei «tecno-sfigati», secchioni maghi del computer che a scuola sapevano sempre tutto ed erano solitamente bianchicci con gli occhiali… Sono i famosi «nerds», «geeks» e anche un pò «dorks», quelli a cui si illuminano gli occhi quando parli di linguaggio «Perl» ma che non «cuccano» mai e si aggirano solitari con l’ultimo techno-gagdet in mano. Beh, adesso è arrivato il momento della loro vendetta. Con il travolgente successo di internet è infatti approdato dall’America un fortissimo movimento underground chiamato «nerdcore», che ha reso «cool» tutto quello che prima (fino a oggi insomma) veniva considerato sfigato. E il loro leader è un rapper dalla popolarità (presto) planetaria. Si chiama MC Frontalot (vero nome Damian Hess) che ha coniato il termine «nerdcore» (come hardcore, ma con la riconquista al positivo del termine nerd) e che si dice fiero di aver «dato una voce alle masse di “geeks” costretti prima a strisciare lungo i muri». La sua musica ha un successo notevole e vende soprattutto online (e dove altro?) con circa 25mila canzoni scaricate al mese.
La sua manager è la mamma, ma Frontalot non se ne vergogna più: «All’inizio ero imbarazzato ad avere mia mamma come manager. Ma poi ho pensato: è una classica cosa da sfigati. E’ perfetta. Mi da grandi kudos presso il mio pubblico!». MC Frontalot è un tipo intelligente e ironico e, nonostante si presenti come «il 579esimo miglior rapper del pianeta», si è messo in competizione con i gangsta-rappers più famosi del mondo come 50Cent e Eminem che, lui dice, non hanno molto appeal tra i nerds. «Per scrivere una canzone rap ci vogliono come minimo 700 vocaboli. Se vuoi essere originale devi pensare a qualcosa di leggermente più convincente di “Ooh, I love you baby”, e tutti i miei anni di istruzione in queste cose aiutano!».
MC Frontalot ha anche un sito molto divertente, pieno di musica e video, in cui vanta anche una citazione in suo omaggio (alquanto agrodolce) del grande linguista e filosofo americano Noam Chomsky, che dice: «Finora nessuno era mai stato seduto così tante ore al computer componendo così tante rime incredibilmente ottuse. MC Frontalot ha penetrato lo zeitgeist (spirito del momento, ndr). E’ con buona ragione che è diventato così famoso e ricco». MC Frontalot sarà a capo della rivoluzione dei geeks anche al prossimo mega-concerto (in stile Woodstock) chiamato «Nerdapalooza» in California, a settembre (corriere.it).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: