Music Rising per New Orleans…

rising.jpg

Un’asta per salvare il patrimonio musicale di New Orleans. L’idea è venuta al chitarrista degli U2 The Edge che, subito dopo il terribile uragano “Katrina” del 2005, diede vita al progetto “Music Rising”, coinvolgendo il leggendario produttore Bob Ezrin e il presidente della storica fabbrica di chitarre Gibson, Henry Juszkiewicz.

Il musicista irlandese nel novembre 2005 visitò una New Orleans ancora profondamente ferita dall’uragano e dalla successiva inondazione, proprio mentre gli U2 erano in giro negli Stati Uniti con il Vertigo tour: “La cultura ricca e piena di entusiasmo di quest’area deve essere ricostruita attraverso l’assistenza a quei musicisti colpiti dal disastro che, in cambio, faranno rivivere lo spirito della regione”, dichiarò in quella circostanza.

Da allora il progetto “Music Rising” ha potuto contare su partner di grande importanza: dal magazine musicale Rolling Stone a diverse catene televisive come VH-1 e MTV, dal circuito Ticketmaster fino alla fondazione “Bush-Clinton Katrina Fund”. Finora i fondi raccolti sono serviti per aiutare circa 2.400 musicisti e 20.000 studenti della splendida città della Louisiana.

L’ultima mossa di “Music Rising” è ora un’asta di beneficenza che si terrà il prossimo 21 aprile negli accoglienti locali dell’Hard Rock Cafè di New York. Per l’occasione saranno battuti dalla casa d’aste Julien’s circa 200 pezzi tra strumenti musicali e altre memorabilia appartenute a leggende del rock. All’asta si potrà partecipare anche online collegandosi al sito http://www.juliensauctions.com.

Ovviamente gli U2 si sono spesi in prima persona per sostenere il progetto ideato e portato avanti dal loro chitarrista. Proprio The Edge ha donato uno dei pezzi di maggior pregio della collezione: una fantastica chitarra Gibson Les Paul del 1975 che il musicista ha usato molto sia in studio che in tour, e da cui si aspetta di ottenere una cifra tra i 60 e gli 80mila dollari. Bono ha invece voluto regalare un paio di occhiali firmati Emporio Armani che era solito utilizzare dal vivo, mentre Larry Mullen ha offerto la sua batteria e Adam Clayton il proprio basso.

Ma all’asta saranno messi anche oggetti davvero storici: una chitarra appartenuta al leggendario Jimi Hendrix (con un valore stimato intorno agli 80mila dollari), un paio di occhiali da sole di John Lennon, una lettera di sette pagine che Janis Joplin scrisse al suo ragazzo nei tardi anni ’60, un testo autografo di una canzone di Bruce Springsteen. E ancora: la copia di un contratto discografico firmato dal re del rock’n’roll Elvis Presley, la targa degli MTV Video Music Award dei Nirvana (appartenuta allo scomparso leader della band, Kurt Cobain), una chitarra dipinta a mano da Paul McCartney e il sassofono dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, che verrà autografato e personalizzato per il vincitore dell’asta.

I Rolling Stones hanno invece autografato una chitarra Gibson Les Paul, della serie speciale “Music Rising” prodotta in soli 300 esemplari e dipinta con i colori del celebre Mardi Gras di New Orleans. Pezzi di minore valore, ma ugualmente interessanti per i collezionisti e i cultori del rock, provengono da Beatles, Led Zeppelin, Bob Dylan, Jim Morrison, Lou Reed, Kiss, Ray Charles e James Brown.

La serata all’Hard Rock Café di Times Square sarà chiusa dall’esibizione di Aaron Neville dei Neville Brothers come tributo e atto d’amore nei confronti della sua città d’origine: New Orleans, appunto (repubblica.it).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: