La “Dolce” fuga…

Forte dei sette milioni di copie vendute dal primo album solista ”Love. Angel. Music. Baby” Gwen Stefani torna e propone il suo nuovo progetto ”The Sweet Escape”. Un lavoro più maturo del precedente, ma meno ambizioso. Non mancano le canzoni in chiaro stile Stefani, molto dance con evidenti richiami al sound anni Ottanta, ma la novità di questo lavoro è la presenza di molti brani melodici, che non mancheranno di lasciare perplessi i suoi fan più accaniti che la seguono dai tempi in cui era la front-woman dei No Doubt.
Nel nuovo album prodotta dai Neptunes di Pharrell Gwen si trova a cantare lo yodel in wind it up… ritmi africani in yummy… elettronica in Break it up…
Dall’incontro con Akon, produttore manifesto del panorama musicale, è nata ”The Sweet Escape”, una delle tracce più melodiche del cd.
Intrigo e malinconia nella ballata ”Early Winter” per la quale la Stefani ha lavorato con Tim Rice-Oxley dei Keane, alla sua prima collaborazione al di fuori della band. Ritorno alle origini in ”4 in the morning”: qui Gwen ha chiesto aiuto a un amico di vecchia data come Tony Kamal, bassista dei ‘suoi’ No Doubt.
Insomma un album senza un filo conduttore… decisamente più scarso e povero del precedente.
Sono forse state proprio le numerose collaborazioni ad aver fatto credere a Gwen che sarebbe bastato questo per sfornare un cd di qualità (successo lo avrà di sicuro). Un album che farà parlare di se più per il linguaggio da scaricatore che per la validità del progetto (la copertina del cd sfoggia l’adesivo Parental Advisory) e se girano voci che The Sweet Escape sia un album formato da canzoni scartate dal primo disco Love, Angel, Music, Baby beh, un motivo lo si riesce ad intuire…

stefani.jpg

Ascolta The Sweet Escape

3 Risposte to “La “Dolce” fuga…”

  1. Frattaglia Says:

    Questo pezzo non è nulla di speciale…
    Un miscuglio di generi un po’ arraffato.
    Speriamo che le altre siano meglio.
    Data prevista di uscita????

  2. Questa canzone è stupenda, divertente e piacevole
    da ballare, sveglia!!

  3. 1) L.A.M.B. era più pieno di parolacce di questo disco.

    2) Non c’era un filo conduttore nemmeno in L.A.M.B., e nessuno ne ha bisogno.

    3)Solo alcune canzoni sono scarti del primo album, ma non perchè facessero schifo, semplicemente perchè non erano in sintonia col mood generale dell’album. Non a caso Bubble Pop Electric ha avuto la meglio su Wonderful life (la migliore canzone di TSE, sicuramente più bella di Bubble Pop Electric).

    4)La qualità dei testi è superiore in quest’album. L’unica cosa che lascia a desiderare è la scelta del terzo e del quarto singolo , che sicuramente non faranno salire le vendite dell’album(4 in the morning, e una fra Yummy e Now that you got it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: